Notizie Assofluid

Premio Tesi di Laurea

                                         

Durante l’Assemblea Ordinaria Assofluid, svoltasi lo scorso 7 giugno, sono state premiate le Tesi di Laurea vincitrici del Bando di Concorso emanato dall’Associazione e giunto alla diciottesima edizione.

Destinatari di questo concorso sono tutti i neolaureati e laureandi in discipline sia tecniche che economico/commerciali, la cui tesi riguardi il settore della potenza fluida.

Tra tutte le tesi ricevute, per un totale di undici, provenienti da diverse sedi universitarie italiane, un’apposita commissione formata da esperti di aziende associate, dopo attenta analisi e valutazione, ha premiato le cinque ritenute più meritevoli:

·         Ing. Gioacchino Berardi

Laureatosi presso il Politecnico di Torino

per la tesi: Risparmio energetico nei sistemi oleodinamici per escavatori

Relatori: Prof. Nicola Nervegna, ing. Gabriele Altare, ing. Damiano Padovani

Motivazione: Per l’argomento di frontiera tecnologica, la qualità dell’approfondimento scientifico utilizzato e l’attenta valutazione volta a valorizzare le nuove strategie di risparmio energetico in applicazioni idrauliche di nuova generazione.

·         Ing. Edoardo Colombo

Laureatosi presso il Politecnico di Milano

per la tesi: Studio di fattibilità di una barra anti-rollio attiva idraulica per sospensioni secondarie di treni ad alta velocità

Relatore: Prof. Stefano Bruni

Motivazione: Per l’originalità dell’ambito applicativo della tecnologia oleodinamica e l’individuazione di modalità di utilizzo in grado di incrementare le performance di un sistema attraverso la sintesi di tre differenti controllori.

·         Ing. Alfredo Costa

Laureatosi presso il Politecnico di Bari

per la tesi: La cavitazione nei distributori oleodinamici proporzionali

Relatore: Prof. Riccardo Amirante

Motivazione: Per la caratterizzazione attraverso la fluidodinamica computazionale di fenomeni complessi, come quello della cavitazione, e per l’approccio innovativo allo studio e progettazione di componentistica oleodinamica.

·         Ing. Jacopo Foglia

Laureatosi presso l’Università degli Studi di Genova

per la tesi: Progetto e realizzazione di un banco prova oleodinamico a controllo digitale per caratterizzazione di azionamenti navali

Relatore: Prof. Enrico Ravina

Motivazione: Per la forte connotazione sperimentale del lavoro svolto e per il significativo utilizzo pratico di tecnologie elettroidrauliche e di automazione.

·         Ing. Luca Riccò

Laureatosi presso l’Università degli Studi di Parma

per la tesi: Simulazione e validazione di un distributore load sensing flow sharing di un escavatore

Relatore: Prof. Paolo Casoli

Motivazione: Per la capacità di analisi e il livello di approfondimento nella modellizzazione di componenti oleoidraulici complessi, attraverso differenti modelli numerici non lineari, con una validazione sperimentale degli stessi.

Potenza fluida: export in ripresa

In base ai risultati emersi dall’Indagine Congiunturale, riferita al primo trimestre dell’anno, condotta da Assofluid su un campione di aziende associate, il settore della Potenza Fluida in Italia apre l’anno con segnali contrastanti, con una situazione migliore per il comparto pneumatico rispetto a quello oleodinamico.

Sussistono evidenti difficoltà sul mercato nazionale, soprattutto per il settore oleodinamico, mentre gli ordini provenienti dall’estero danno respiro e fiducia ai produttori italiani.

Analizzando i due comparti, si evidenzia per l’oleodinamica, in termini di fatturato, la brusca frenata del Mercato nazionale (-11,4%), in linea con il valore della Produzione (-11,6%), mentre per la pneumatica si registra una flessione minima per il Mercato (-0,8%) e un aumento per la Produzione nazionale (+2,7%), trascinata dall’Export (+2,9% rispetto al primo trimestre 2012).

La situazione del portafoglio ordini appare negativa solamente in riferimento al Mercato nazionale (-8,9% per l’oleodinamica, -0,6% per la pneumatica), mentre confortanti segnali provengono dall’Export, che registra un +5,2% per il settore oleodinamico e un +7,4% per quello pneumatico.

Queste variazioni portano ad avere indici (base anno 2000 = 100) di fatturato per l’Export pari a 177,3 per l’oleodinamica e a 171,7 per la pneumatica, mentre per gli ordini si segnalano indici rispettivamente di 261,8 e 193,4. Da sottolineare che per il comparto pneumatico questi valori sono i più alti mai registrati.

Si può perciò constatare come, nonostante alcune variazioni negative, che possono preannunciare contrazioni nelle vendite, soprattutto sul mercato interno, anche per i prossimi 3-6 mesi dell’anno, sussistano anche incoraggianti segnali positivi per la crescita del comparto.

RISULTATI INDAGINE CONGIUNTURALE 3 MESI 2013

OLEODINAMICA

Var.% Fatt.

Var.% Ord.

Italia

-5,9%

-3,8%

Export

-14,5%

+5,2%

Import

-19,9%

-16,8%

Mercato nazionale

-11,4%

-8,9%

Produzione nazionale

-11,6%

+2,1%

PNEUMATICA

Var.% Fatt.

Var.% Ord.

Italia

+2,3%

2,2%

Export

+2,9%

+7,4%

Import

-3,3%

-3,0%

Mercato nazionale

-0,8%

-0,6%

Produzione nazionale

+2,7%

+5,2%

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Inserire questo codice*: captcha 

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome