Cresce il numero di visitatori a MECSPE

2014_MECSPE_4_bis

“Il miglior modo di predire il futuro è inventarlo”. Questa massima, di Alan Kay, ben sintetizza la filosofia che ha contraddistinto, nei giorni scorsi MECSPE,  la fiera internazionale delle tecnologie per l’innovazione organizzata da Senaf presso Fiere di Parma.

Conclusasi sabato 29 marzo, MECSPE ha visto la partecipazione di un numero elevato di visitatori: +13% rispetto alla scorsa edizione superando le 30 mila presenze e ospitando 1.087 aziende in esposizione. Il prossimo appuntamento sarà dal 26 al 28 marzo 2015 sempre alle Fiere di Parma.

2014_MECSPE_5_bis

“La tredicesima edizione di MECSPE ha mostrato dinamicamente le tecnologie più innovative al servizio dell’industria manifatturiera, riuscendo nella non facile impresa di connettere mondi diversi, anche se affini, come progettazione digitale, automazione e produzione”, afferma Emilio Bianchi, Direttore di Senaf. “Il tutto con una visione futurista e all’avanguardia per mostrare agli operatori come poter implementare nell’immediato i propri processi produttivi, e perché no, vedere un’anticipazione del futuro prossimo del comparto” .

Nei padiglioni di Fiere di Parma è stato dato spazio ai giovani e all’innovazione, con la presenza di makers e startup, che rappresentano un stimolo essenziale all’evoluzione dei processi produttivi. Si è partiti dalla prima tappa del roadshow “3D Print Hub”, il progetto ideato da Senaf che culminerà, tra il 3 e il 5 marzo 2015 a Fiera Milano, nell’evento internazionale in cui si farà il punto sui trend e gli sviluppi futuri del settore. Artigiani, progettisti, designer e ingegneri hanno potuto confrontarsi con le nuove frontiere della produzione 3D e vederne le potenzialità applicative. 

Per mostrare, invece, l’evoluzione della filiera produttiva, novità assoluta di questa edizione di MECSPE è stata l’iniziativa “Fabbrica Digitale – oltre l’automazione”, che ha saputo catturare l’interesse dei visitatori ricreando su una superficie di oltre 2 mila mq i processi di una fabbrica dislocata reale, con unità dimostrative funzionanti e interconnesse tra loro. Al centro dell’iniziativa la progettazione e la realizzazione di alcune componenti della Xam 2.0, la concept city car elettrica progettata e prodotta dal Team H2politO del Politecnico di Torino.

Da sempre caratterizzata per la dinamicità della propria offerta espositiva, anche questa edizione della manifestazione ha visto la realizzazione di 9 Piazze dell’Eccellenza e 16 unità dimostrative. Tra i punti di maggior interesse la Piazza della Robotica, dove i visitatori hanno visto robot cimentarsi con il basket, l’arte e il calcio, la Piazza del Motorsport, dove Dallara ha presentato una vettura della Serie GP2 e le due Piazze legate al Design, dove la plastica ha rivelato la propria identità sostituendo il metallo dal punto di vista dell’aspetto e delle performance e dove la lamiera diventa elemento creativo e di arredo.

Passando all’internazionalizzazione, l’estero riconosce alle imprese italiane capacità innovativa e tecnologica di alto livello, ma troppo spesso le aziende si trovano davanti a barriere come quelle legislative e logistiche. Per dare agli imprenditori l’opportunità di presentare ai mercati emergenti le proprie competenze e soluzioni ‘made in Italy’, Senaf a MECSPE ha presentato il progetto Spex (Senaf Promo Export), che si pone l’obiettivo di accompagnare le aziende in questo processo, offrendo un servizio consulenziale completo: dal supporto logistico e commerciale, sino a quello legale e amministrativo. Inoltre, a MECSPE gli espositori hanno potuto incontrare buyer provenienti da Paesi europei ed extraeuropei: si è trattata di un’occasione per sviluppare importanti sinergie e orientare le scelte aziendali in un contesto internazionale. In particolare, la manifestazione è stata visitata da una delegazione vietnamita nell’ambito del progetto ‘Destinazione Vietnam per le imprese emiliano-romagnole dell’industria meccanica’.

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome