Una famiglia di regolatori 4.0, più potente e sicura

A pochi anni dal lancio dei controllori di potenza configurabili GFW di Gefran, l’azienda sceglie di ampliare il range con nuove versioni, più ricche e complete di funzionalità e benefici per l’utilizzatore.

Già disponibile nelle taglie di corrente dai 40 A fino ai 250 A per fase (per carichi lineari e non lineari, trasformatori compresi) oggi la gamma si arricchisce dei modelli GFW di nuova concezione da 400 A e 600 A – 690 V ideali per applicazioni di alta potenza.

I nuovi controllori si contraddistinguono per le estese funzionalità di manutenzione preventiva, le dimensioni ultra-compatte e la robustezza.

I sensori di temperatura presenti all’interno dei GFW 400 A e 600 A rappresentano un esclusivo punto di forza.

Sono dislocati nelle parti più sensibili dei controllori e garantiscono un monitoraggio continuo delle temperature con l’eventuale blocco della potenza a salvaguardia dei controllori stessi e degli impianti.

Questa caratteristica permette ai GFW400 e GFW600 di tenere la situazione termica sempre sotto controllo e garantire la fondamentale diagnostica preventiva.

Ogni controllore trifase è stato progettato con ben 12 sensori e 6 di questi sono posizionati presso i morsetti della linea e del carico, in modo da indicare situazioni critiche di surriscaldamento che possono nascere da morsetti chiusi irregolarmente o allentati durante l’utilizzo.

Queste situazioni sono frequenti e, in alcuni casi, possono portare scintille, corto circuiti e addirittura incendi nei casi più estremi.

Altri tre sensori di temperatura leggono la temperatura dell’aria aspirata dalle ventole per verificare sempre l’efficienza reale del raffreddamento e segnalando quando questa diminuisce, ad esempio per un intasamento dei filtri anti polvere.

I nuovi controllori poi si contraddistinguono per le dimensioni compatte: la versione da 600 Ampere trifase misura 335x350x290 mm (WxHxD) e incorpora fusibili e ventilatori.

Grazie alla loro compattezza i GFW possono essere installati in qualsiasi impianto esistente da revampare senza dover “fare spazio” nei quadri elettrici.

L’elevata robustezza a condizioni ambientali particolarmente severe, frutto di una progettazione attenta e severa dal punto di vista termico, ha permesso di dichiarare le correnti nominali alla temperatura di 50°C.

Il progetto meccanico è stato particolarmente curato: il risultato offre un’estrema flessibilità dei collegamenti di potenza che possono essere indifferentemente realizzati con barre di rame, con cavo singolo o anche doppio cavo, grazie all’ausilio di un semplice adattatore meccanico.

I controllori vengono gestiti da ingressi analogici configurabili, ingressi digitali in PWM e dalla linea seriale.

Uscite analogiche configurabili possono ritrasmettere qualsiasi variabile controllata verso indicatori e PLC.

Il generoso corredo di Fieldbus completa le prestazioni della gamma GFW, permettendo connessioni in Ethernet per remote service e cloud storage.

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Inserire questo codice*: captcha 

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome