Schunk Competence Day: lo stabilimento capace di trasformarsi è a portata di mano

Quattro sono le aziende che si sono aggiudicate assieme lo Schunk Competence Award e che sono state premiate dal Managing Partner, Henrik A. Schunk (primo a destra) e dall’ambasciatore del marchio Schunk Jens Lehmann (primo a sinistra): Preinfalk GmbH (Works Manager Jürgen Kissel, secondo da sinistra), Tries GmbH & Co. KG (Matthias Bachhofer, terzo da sinistra), aerne engineering AG (Daniel Aerne quarto da sinistra), Schüschke GmbH & Co. KG (CEO Thomas Mauthe, quinto da sinistra).

Nel corso della quarta edizione dell’evento, a cui hanno partecipato oltre 50 esperti del settore della produzione, si è dato spazio ai cambiamenti che contraddistinguono gli impianti di oggi e alle soluzioni rese disponibili dall’azienda per ottimizzare la flessibilità della produzione.

Sono oltre 50 gli esperti nel settore della produzione provenienti dalla Germania e dalla Svizzera che hanno preso parte alla quarta edizione dello Schunk Competence Day, che si è svolta presso la sede centrale di Schunk, a Lauffen/Neckar, in Germania.

«L’industria dell’ingegneria meccanica tedesca ed europea sta attraversando una fase di grandi cambiamenti, come non si era mai vista sino ad ora negli ultimi dieci anni» ha detto Markus Klaiber, Chief Technology Officer/CTO di Schunk, introducendo l’evento.

Markus Klaiber, Chief Technology Officer/CTO di Schunk, ha fornito una panoramica sugli approcci nella digitalizzazione per il controllo delle numerose varianti dei processi di produzione.

Secondo Klaiber, i cambiamenti in corso sono principalmente dovuti all’incremento della digitalizzazione dei processi di produzione, all’elevato dinamismo delle start-up, alla mobilità elettrica, a una varietà crescente di beni di consumo e di beni strumentali, nonché alle condizioni politiche generali, che oggi sono dominate da discussioni vertenti sulle barriere commerciali e sul crescente protezionismo.

Inoltre, spesso, gli impianti e gli stabilimenti devono essere in grado di produrre lotti sempre più piccoli in tempi di produzione in continua diminuzione.

«Dalla prospettiva di Schunk, lo stabilimento capace di trasformarsi per rispondere al radicale mutamento è a portata di mano» hanno concluso gli esperti di produzione dell’azienda.

Presentazioni pratiche e visita allo stabilimento

Schunk ha presentato quattro case study di rilievo, che sono state nominate per lo Schunk Competence Award 2017.

Questi studi, che hanno dimostrato come oggi i processi produttivi possano essere creati in modo flessibile ed economico, hanno riguardato un impianto di assemblaggio ad alta velocità di Aerne Engineering AG, in Svizzera, una produzione efficiente di lavabi leggeri per il settore aeronautico di Schüschke GmbH & Co., l’applicazione economica di rettifica di ingranaggi planetari presso Preinfalk GmbH e una cella di ispezione completamente automatizzata per valvole dei freni presso Tries GmbH & Co., Aerne Engineering si è aggiudicata, per votazione del pubblico, lo Schunk Competence Award 2017, grazie ai potenziali del suo stabilimento.

50 varianti del gruppo costruttivo sono prodotte in modo completamente automatizzato con un tempo massimo di preparazione della macchina di 12 minuti e una durata del ciclo di 1,2 secondi.

Nel corso della visita allo stabilimento, i partecipanti hanno ricevuto un orientamento pratico ai processi flessibili di Schunk.

Nel corso di una visita all’area di produzione di mandrini e portautensili nello stabilimento Schunk, i partecipanti hanno ricevuto una panoramica dei modi possibili di ottimizzare la flessibilità della produzione.

La combinazione di sistemi di serraggio a punto zero, morse, sistemi di cambio rapido delle ganasce e mandrini di precisione assicurano una produzione dei morsetti flessibile con la massima autonomia e il sistema può funzionare, senza presidio, fino a 30 ore.

Un altro sistema completamente automatizzato per il collegamento intelligente di processi produttivi e logistici utilizzato per la produzione di mandrini Schunk Tendo è altrettanto efficiente.

In un centro di tornitura e fresatura semiautomatico, Schunk ha mostrato come sistemi di cambio rapido dei mandrini e robot senza recinzione di protezione possano essere implementati con minimo sforzo manuale.

Inoltre, un’applicazione di assemblaggio collaborativo ha evidenziato l’efficiente collaborazione tra uomo e robot utilizzando una pinza Schunk Co-act certificata DGUV (l’ente tedesco di assicurazione sociale contro gli infortuni).

I partecipanti al Competence Day hanno avuto anche la possibilità di toccare con mano i vantaggi dei mandrini di precisione Tendo Slim 4ax: hanno potuto vederli, sentirli e sperimentarli in test di fresatura che li ponevano a confronto con portautensili a calettamento a caldo.

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Inserire questo codice*: captcha 

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome