La robotica è sempre più presente a Mecspe e nella fabbrica del futuro

L’edizione 2018 della manifestazione promossa da Senaf, che si terrà a Fiere di Parma tra il 22 e il 24 marzo, dedicherà il padiglione 15 all’automazione.

L’automazione sarà sempre più protagonista nella fabbrica del futuro. Secondo il “World Robotics Report”, pubblicato dall’IFR (International Federation of Robotics),  entro il 2020 oltre 1,7 milioni di nuovi robot industriali saranno installati nelle fabbriche di tutto il mondo.

Non solo: per l’anno da poco concluso il Report ha previsto installazioni di nuovi robot in aumento del 21% nell’area Asia-Australia, del 16% nelle Americhe e dell’8% in Europa. Tra i fattori principali per questi sviluppi c’è l’impiego di robot in risposta ai cicli economici più brevi e la richiesta di produrre con una maggiore flessibilità e su misura delle necessità dei clienti di tutti i settori produttivi.

Alla luce di questa tendenza, la prossima edizione di Mecspe, la manifestazione del manifatturiero 4.0 promossa da Senaf, che si terrà a Fiere di Parma dal 22 al 24 marzo 2018, darà ampio spazio all’automazione all’interno del padiglione 5, che avrà saloni dedicati ai costruttori di robot e ai maggiori system integrator italiani (Motek Italy), alle trasmissioni di potenza e alla meccatronica (Power Drive), alla logistica, alla subfornitura elettronica e ai loro 300 espositori.

L’evento, che darà visibilità alle novità sul fronte della digitalizzazione e dell’innovazione, proporrà nuove iniziative in ottica 4.0, volte a rendere ancora più sinergico e attivo il percorso di visitatori, aziende ed espositori e 12 saloni tematici, per i quali si prevede una migliore suddivisione all’interno del quartiere fieristico, con la costruzione di un nuovo padiglione per permettere un’esplorazione più fluida e un migliore orientamento.

Le nuove frontiere della digitalizzazione in mostra

Nel nuovo padiglione, il 4.1, che sorge tra il 3 e il 5 ed è la diretta prosecuzione dell’ingresso Sud, sarà sviluppato il salone Fabbrica Digitale, che presenta le nuove frontiere della digitalizzazione per la fabbrica (applicazioni, dispositivi, strumentazione e componentistica intelligente per l’interpretazione e la connessione dei processi). Il salone, sulla spinta della crescente richiesta del mercato e dell’attenzione che le imprese pongono sui processi di digitalizzazione, ha visto un incremento del 24% dei suoi espositori. Tra le aziende, saranno presenti grandi multinazionali del settore IT e innovativi spin-off.

Nell’Ingresso Sud, infine, si svilupperà la “Fabbrica Digitale 4.0”, con 8 filiere e 52 partner, pronti a confrontarsi sui sistemi e sulle novità in materia di integrazione digitale che contribuiscono a progettare l’industria di domani, mostrando il ruolo determinante delle tecnologie abilitanti 4.0 nei diversi settori e contesti applicativi. Tra i temi al centro, connettività e strumenti per la piccola impresa, robotica collaborativa in un ambito di produzione parametrizzata e/o di piccoli lotti, sviluppo prodotto con metodica 4.0, simulazione di prodotti e processi, tracciabilità, manutenzione, additive manufacturing e logistica 4.0.

Delle otto filiere presenti nell’area, 6 vedono tra i partner aziende di robotica, anche di tipo collaborativo, a sottolineare il ruolo sempre più centrale dell’automazione nelle officine.

Comau, Fanuc, Kuka, Universal Robot saranno presenti con i loro system integrator per supportare le diverse filiere sia a livello di asservimento delle macchine, sia di logistica in ottica 4.0.

Anche quest’anno sarà predisposto nell’area della Fabbrica Digitale un bar tecnologico dove i visitatori potranno gustare un gelato serviti da un robot collaborativo di Fanuc.

Nell’arena della Fabbrica Digitale 4.0 si terrà il momento conclusivo della terza edizione del “Premio Innovazione Robotica”, nella giornata di venerdì 23 marzo.

Il Premio è rivolto alle applicazioni realizzate da aziende italiane; una particolare sezione è  dedicata ai progetti “orizzonti” presentati da università, centri di ricerca e spin-off. Il Premio, in entrambe le categorie, terrà conto degli elementi di valorizzazione, di unicità e di innovatività della soluzione.

Ma Mecspe  è anche tanta formazione: dopo i successi di Modena e Brescia e la tappa a Napoli del 5 febbraio con focus suIndustria 4.0 e Aerospazio, il racconto per un’alternativa italiana al modello industry 4.0 prosegue con l’ultima tappa dei “Laboratori Mecspe Fabbrica Digitale, La via italiana per l’industria 4.0”: l’evento conclusivo di questo percorso proporrà un dibattito sui temi della formazione e delle nuove figure professionali all’interno della fabbrica 4.0, con la presentazione dei dati nazionali dell’Osservatorio Mecspe sulle PMI italiane operanti nel settore della meccanica.

Condividi

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome